5 idee per adattare la tua casa allo smart working

5 idee per adattare la tua casa allo smart working

Lo smart working risulta ormai sempre più comune e diffuso e ha costretto sempre più persone a dover ripensare gli ambienti domestici per ricavare degli spazi da dedicare esclusivamente alle ore di lavoro. Non tutti, infatti, dispongono nella propria abitazione di uno studio, o comunque di una stanza separata, in cui poter lavorare comodamente da casa. Anche nelle case più piccole è però possibile creare una zona esclusiva per lo smart working senza necessariamente stravolgere l’intero ambiente: bastano infatti pochi piccoli accorgimenti per portare l’ufficio in casa.

Le parole chiave per creare un ambiente multifunzionale pratico e allo stesso tempo accogliente sono due: flessibilità e comodità.

Luci e suoni per un ambiente adatto al lavoro

Quando si organizza una postazione per lo smart working bisogna pensare che ci si passerà la maggior parte della giornata.

Il primo suggerimento per creare un ambiente adatto allo smart working è quindi quello di muovere scrivanie, tavoli e sedie in modo tale da creare una zona appartata ma allo stesso tempo illuminata correttamente dalla luce naturale. Certamente la luce diretta del sole è da evitare e per questo motivo è bene ricorrete a tende non troppo spesse, in grado di filtrare la giusta luce.

Il silenzio è per molti imprescindibile se si desidera svolgere un ottimo lavoro. Non sempre però le case sono prive di rumori, anzi, soprattutto negli appartamenti cittadini è molto facile essere continuamente distratti dai rumori più o meno fastidiosi dei propri vicini. Un’idea pratica e anche abbastanza economica è quella di acquistare dei pratici pannelli fonoassorbenti da posizionare lungo le pareti della stanza in cui si lavora. Alcuni modelli di pannelli possono anche essere utilizzati come dei moderni separé per rendere un ambiente multifunzionale e fruibile contemporaneamente da persone diverse.

Comfort e organizzazione per uno smart working perfetto

Come abbiamo detto, la comodità è una delle parole chiave per adattare un ambiente della propria casa allo smart working. Comodità fa in questo caso rima con postura corretta; si può quindi pensare di investire in una comoda sedia da ufficio, con o senza rotelle, che vi consenta di avere una seduta ottimale durante il lavoro anche a casa. Queste sedie sono però molto ingombranti e c’è il rischio che rovinino e stravolgano completamente lo stile della vostra casa. Un’idea per una soluzione meno invasiva sono dei pratici schienali ergonomici che possono essere applicati a diverse tipologie di sedute e che aiutano a mantenere la postura corretta anche durante il lavoro a casa.

Per mantenere la giusta postura e lavorare con maggiore comodità, suggeriamo di acquistare degli appositi supporti per computer portatili, in modo tale che lo schermo si trovi alla giusta altezza. Se questa idea vi piace e usate spesso smartphone e tablet potrete trovare anche specifici supporti per questi devices mobili.

Un’ultima idea è rivolta agli amanti dell’organizzazione. Una semplice cassettiera da “nascondere” comodamente sotto al tavolo o in un angolo della stanza consente di riporre in maniera ordinata tutto il materiale da lavoro utilizzato durante la giornata, pc portatile incluso. In questo modo è possibile trasformare in poco tempo un salotto-ufficio in una stanza accogliente.