Berto SalottiBerto Salotti

Lombardia: 2 miliardi di vendite, +167% tra il 1991 e il 2011

  • Esportazioni in crescita per il sistema Lombardia
Redazione 07-08-2012 Galleria immagini completa

ECONOMIA E MERCATI  -  L'export nel 2011 ha superato i 2 miliardi di euro, registrando un +5,6% rispetto al 2010. Crescono in percentuale soprattutto i Paesi dell'America Centromeridionale (+30,2%), dell'Asia orientale (+20,5%) e Medio oriente (+19,7%). Principali esportatori Monza e Brianza con 650 milioni all'anno, Como con 532 milioni, poi Milano con 320, Brescia con 197 e Bergamo con 154. Emerge da un' elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Istat al IV trim. 2011, 2010 e 1991.

 

Piace sempre di più il mobile lombardo nel mondo, è triplicato l’export in venti anni. Oltre 2 miliardi di euro è il valore dei mobili che la Lombardia ha esportato nel mondo nel 2011, in crescita del 167% in venti anni. Francesi primi clienti assoluti, seguiti da tedeschi e svizzeri più o meno allo stesso livello di acquisti, che valgono come l'intero continente americano. Ogni svizzero all’anno spende in media 23 euro per un mobile Made in Lombardia. Nuovi clienti i russi, al quarto posto, con una crescita del 10 mila per cento in vent’anni. Altro nuovo mercato quello cinese, supera l’Austria e i Paesi Bassi, con una crescita di 88 mila per cento in vent’anni. Emirati Arabi e Arabia Saudita superano il Giappone e valgono insieme come il Belgio. Si affaccia anche l’India a livello dei principali Paesi europei per richiesta di merce lombarda grazie a un + 25 mila per cento.

Principali esportatori Monza e Brianza con 650 milioni all’anno, Como con 532 milioni, poi Milano con 320, Brescia con 197 e Bergamo con 154. Emerge da un’ elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Istat al IV trim. 2011, 2010 e 1991.

 

Design e produzione del mobile - ha dichiarato Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano - rappresentano una delle eccellenze del made in Milan e del made in Italy, un elemento alla base della competitività internazionale del nostro territorio su cui si incontrano capacità di fare ed innovare. Un settore importante per la nostra economia che in questi giorni riporta Milano, con il Salone del Mobile, all’attenzione del mondo”.

 

I prodotti del legno arredo della Brianza da sempre viaggiano nel mondo - ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza -. Dotare i nostri prodotti del Passaporto del Mobile Made in Brianza significa incrementare il valore immateriale del prodotto e dare la possibilità all’utente finale di conoscere meglio la sedia, il divano, il complemento d’arredo Made in Brianza, avvicinandolo al saper fare e al saper pensare dell’azienda e del designer che l’hanno creato.”

 

Paginearredo