Berto SalottiBerto Salotti

Bonomi

  • Bonomi: mod. Arco
  • Bonomi: mod. Arco
  • Bonomi: mod. Arco
  • Bonomi: mod. Arco
  • Bonomi: mod. Arco
Galleria immagini completa

Cersaie 2010 

16 Immagini

 

 

 

 

 

AL CERSAIE 2010 IL GIOVANE DESIGN ITALIANO FIRMATO BONOMI

A Bologna la storica azienda bresciana ridisegna il “microcosmo” bagno.

 

Forme semplici e un disegno che recupera il valore di quella qualità senza tempo che è da sempre emblema del “Made in Italy”: sono le nuove linee di rubinetteria presentate da Bonomi Contemporaneo Italiano alla 28° edizione del Cersaie, a Bologna dal 28 Settembre al 2 Ottobre 2010.

Due i designer coinvolti: Massimiliano Abati di Civita Castellana (VT) e lo studio milanese di Francesco e Massimo Rodighiero.

La rubinetteria Just disegnata da Massimiliano Abati è basata su una canna di erogazione a sezione circolare (un semplicissimo “tubo”) piegata morbidamente a 90° ma installata sul bordo dei sanitari o a muro con un’inclinazione di 45° gradi... La leva di miscelazione, posta a lato del corpo centrale (su un’unica placca o su rosette separate), è facile da impugnare e da pulire con cartuccia joystick integrata. Nella versione a muro la cartuccia di miscelazione viene inserita direttamente nella parete, esaltando la linea pulita dell’erogatore con accanto la leva di miscelazione.

L’effetto finale è di una rubinetteria di grande personalità, mentre la posizione della bocca di erogazione risulta particolarmente pratica ed ergonomica.

Interpellati da Luigi Bonomi Francesco e Massimo Rodighiero hanno proposto più che una linea di rubinetteria un vero e proprio Microcosmo: un rivoluzionario concetto di organizzazione e utilizzo dello spazio nell’area della toeletta.

Non un miscelatore dunque ma un elemento quadrangolare, una sorta di mensola che incornicia uno specchio e assolve a più funzioni.

La sottile cornice in ottone -disponibile in finitura cromata o satinata- sostiene un ripiano in resina poliminerale (un materiale robusto e igienico) sagomato in modo da alternare superfici lineari e sinuose, come scavate dal passaggio dell’acqua.

Ed è proprio di qui che scende in effetti il getto d’acqua, a vista.. con uno straordinario effetto “ruscello” che accompagna la caduta nel lavabo.

L’elemento/mensola è previsto in più misure e colorazioni ed è disponibile nelle versioni a muro per lavabo e per vasca.

Al Cersaie Bonomi presenterà anche “Aqua Jewels”, la linea di rubinetteria disegnata da Marcel Wanders che riprende la sfaccettatura del più classico taglio di diamante (a brillante, tondo) riportando il “décor” nel cuore della tecnologia italiana.

Inoltre le linee di rubinetterie classiche, firmate da Sergio Mori, tra cui Tube, disponibile oggi in due nuove versioni (rubinetteria monoforo per lavabo e rubinetteria monoforo per soprapiano) e Arco caratterizzata da una perfetta curvatura a “C” e con canna di erogazione appiattita a 6 mm.

Nato dalla fusione di alcune storiche realtà produttive del bresciano, Bonomi Contemporaneo Italiano è un marchio di rubinetteria che fin dal nome evoca gusto e qualità tipicamente Made in Italy.

Quella di Bonomi è la storia di un’azienda che nel 2009 ha festeggiato un secolo di vita, raccogliendo i frutti di un lungo percorso evolutivo fondato sulla costante capacità di innovare.

Dagli anni ’20, quando Giuseppe Bonomi produceva ottonami e cavatappi in ottone e ferro, alla trasformazione in azienda idrotermosanitaria specializzata in valvole e rubinetteria negli anni ’30 e ’40, la famiglia Bonomi è arrivata oggi alla quarta generazione imprenditoriale raggruppando in una nuova compagine societaria diversi marchi di riscaldamento, idraulica e rubinetteria.

Quest’anno, in occasione del centenario di Confindustria, l’azienda è stata premiata per la sua secolare adesione all’Associazione. Un attestato di fedeltà ma anche la conferma di uno spirito imprenditoriale che accomuna la storia della famiglia Bonomi a quella della migliore industria italiana.

Oggi il Gruppo Bonomi è una realtà consolidata con 3 sedi produttive e 100 dipendenti.

 

 

 

BONOMI PRESENTA IL NUOVO PROGETTO “MICROCOSMO”

Rubinetteria a muro per vasca e lavabo

 

Massimo e Francesco Rodighiero, dell’omonimo studio di architettura e design, presentano il nuovo rubinetto Microcosmo, disegnato per Bonomi Contemporaneo Italiano e presentato alla 28a edizione del Cersaie di Bologna (28 Settembre - 2 Ottobre).

Interpellati da Luigi Bonomi, Francesco e Massimo Rodighiero hanno proposto più che una linea di rubinetteria un vero e proprio Microcosmo: un rivoluzionario concetto di organizzazione e utilizzo dello spazio nell’area della toeletta.

Non un miscelatore dunque ma un elemento quadrangolare, una sorta di mensola che incornicia uno specchio e assolve a più funzioni.

La sottile cornice in ottone - disponibile in finitura cromata o satinata - sostiene un ripiano in resina poliminerale (un materiale robusto, igienico e resistente al calore) sagomato in modo da alternare superfici lineari e sinuose, come scavate dal passaggio dell’acqua.

È un materiale traslucente ovvero una parte della luce attraversa il materiale.

Ed è proprio di qui che scende in effetti il getto d’acqua, a vista, con uno straordinario effetto “ruscello” che accompagna la caduta nel lavabo.

L’elemento/mensola è previsto in più misure e colorazioni ed è disponibile nelle versioni a muro per lavabo e per vasca.

Scheda tecnica

Nome: Microcosmo

Designer: Massimo e Francesco Rodighiero (Studio Rodighiero Associati)

Descrizione: Rubinetteria a muro per lavabo e rubinetteria a muro per vasca

Misure: Rubinetteria Lavabo: mm 206 x 186 x 160 (profondità)

 Rubinetteria Vasca: mm 320 x 110 x 190 (profondità)

Finiture: Bianco e nero. Altri colori su richiesta

 

LO STUDIO RODIGHIERO

 

Fondato nel 1986 dall’Ing. Giovanni Rodighiero, lo studio Rodighiero associati rinasce come società di servizi e consulenze nel 1996. L’esperienza e la professionalità trentennale di Giovanni Rodighiero, unita alla competenza e al giovane talento dell’architetto Massimo Rodighiero e del designer Francesco Rodighiero, ha consentito allo studio di ottenere, nel tempo, importanti riconoscimenti sino a farne una realtà affermata nel campo della progettazione integrata. Lo studio si propone come workshop per consulenze progettuali specifiche offrendo un solido approccio interdisciplinare al tema del progetto grazie alla fusione di molteplici professionalità che coniugano un bagaglio architettonico e di design ad una capacità figurativa che si estende ai campi della comunicazione multimediale ed artistica.

Lo studio, oltre alla normale attività nei campi dell’architettura e dell’ingegneria, realizza quindi anche progetti di natura grafica, multimediale, websites, consulting e product design, spaziando tra la complessità della scala urbanistica alla altresì delicata gestione di un logotipo, di un prodotto di design o di ambienti che rappresentino la specifica identità della committenza.

Massimo Rodighiero

Architetto, nasce nel 1970. Studia architettura al Politecnico di Milano dove si laurea nel 1997. Dal 1995 espone in collettive di architettura, arte e design. La collaborazione con Renzo Castiglioni - alla creazione di cataloghi d’arte e design - è stata significativa per la sua carriera e gli ha consentito di sviluppare esperienze sia nel campo della grafica che in quello dell’architettura. Nel 2008 ha conseguito il Master di II livello in Architettura Religiosa presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze.

Francesco Rodighiero

Designer, nasce nel 1977. Studia disegno industriale al Politecnico di Milano dove si laurea nel 2003. Dal 1998 partecipa all’organizzazione di diverse esibizioni d’arte e design. Dopo alcuni anni (2003-2004) spesi a Barcellona lavorando ad alcuni interni commerciali, nel 2005 è stato tutor presso la Domus Academy nel corso di Interaction Design. Nel 2006 ha vinto la borsa di studio per il Master di I livello in Bathroom Design presso il Polidesign di Milano.

 

 

BONOMI “JUST”: SEMPLICEMENTE ESSENZIALE

Design minimale per il nuovo miscelatore per l’azienda bresciana

 

Just, il nuovo miscelatore monocomando firmato da Massimiliano Abati per Bonomi Contemporaneo Italiano è un inno alla semplicità e alla purezza delle forme.

La rubinetteria Just disegnata da Massimiliano Abati è basata su una canna di erogazione a sezione circolare (un semplicissimo “tubo”) piegata morbidamente a 90° ma installata sul bordo dei sanitari o a muro con un’inclinazione di 45° gradi... La leva di miscelazione, posta a lato del corpo centrale (su un’unica placca o su rosette separate), è facile da impugnare e da pulire con cartuccia joystick integrata.

Nella versione a muro la cartuccia di miscelazione viene inserita direttamente nella parete, esaltando la linea pulita dell’erogatore con accanto la leva di miscelazione.

L’effetto finale è di una rubinetteria di grande personalità, mentre la posizione della bocca di erogazione risulta particolarmente pratica ed ergonomica.

Disponibile con cartuccia joystick integrata e in finitura cromata.

Scheda tecnica

Designer: Massimiliano Abati (Civita Castellana VT)

Nome JUST

Descrizione: Miscelatore monocomando per lavabo (canna da 10 o da 18mm)

 Miscelatore monocomando per bidet (canna da 10 o da 18mm)

 Miscelatore monocomando per lavabo a muro (canna da 10 o da 18mm)

Finiture: cromo, cromo satinato, nero e oro

 

 

MASSIMILIANO ABATI

 

Nasce a Civita Castellana 1975. Segue una formazione artistica attraverso studi di architettura presso la Sapienza di Roma. Collabora sin da giovanissimo, come consulente di comunicazione visiva e percettiva nelle scuole primarie, dove la stretta vicinanza con il “FARE” dell’infanzia, non fanno perdere traccia dei metodi ludici indispensabili nel mestiere di creatore di spazi e di oggetti. Nel 1998 entra come collaboratore presso lo studio di architettura Portoghesi, dove si forma come ricercatore di codici stilistici, ma soprattutto impara a dare spessore alle idee. Nel 2003 intraprende la libera professione e collabora con alcune agenzie di moda e dello spettacolo occupandosi di scenografia e location, con alcune escursioni nel mondo del teatro. Per GSG ceramic design, 2004\09 disegna alcuni concept bath di forte impatto emotivo. Per Flaminia nel 2010 presenta Albero, “esperienza” doccia, gesto evocativo ed etico al tempo stesso. Attualmente cura la direzione artistica di alcune aziende,e si occupa di design e comunicazione.

 

 

 

I GIOIELLI DI MARCEL WANDERS PER BONOMI

Superfici sfaccettate per impreziosire il bagno. Una rubinetteria-gioiello

 

“Aqua Jewels” è la linea di rubinetteria che il designer olandese Marcel Wanders ha creato per “Bonomi Contemporaneo Italiano” di Luigi Bonomi.

Il disegno della nuova collezione riprende la sfaccettatura del più classico taglio di diamante (a brillante, tondo) riportando il “décor” nel cuore della tecnologia italiana, e contribuendo a ripensare l¢ambiente bagno nel suo insieme.

“Le superfici sfaccettate su cui giocano riflessi di luce… anticipano i rituali di benessere” spiega Marcel Wanders “L’acqua fluisce attraverso veri gioielli come un vero fluido di bellezza. E’ l’inizio di una magica trasformazione che ferma la normale percezione del tempo.”

Due le versioni di miscelatore e rubinetteria per lavabo con manopola sfaccettata su canna di erogazione squadrata e liscia o su canna di erogazione anch¢essa sfaccettata lungo i lati esterni.

Due anche le versioni per vasca: con manopola a diamante (sia per la rubinetteria sia per la doccetta manuale) posta su plancia orizzontale sfaccettata da installare su bordo vasca oppure blocco verticale a parete con canna a “C”.

Uniche invece le versioni per bidet e doccia: il primo dispone di miscelatore a diamante su canna di erogazione squadrata e liscia, mentre nella rubinetteria per doccia ? previsto un blocco a parete rettangolare sfaccettato con miscelatori a diamante e doccetta manuale.

La linea ? completa di porta asciugamani (60 cm o 40 cm), appendi abiti, portasapone, portarotolo.

La linea di rubinetteria Aqua Jewels è disponibile nella versione cromo e oro.

 

 

Arco: IL MISCELATORE PIU’ SOTTILE FIRMATO SERGIO MORI

Semplice ed universale rivoluziona il concetto del miscelatore

 

Disegnata da Sergio Mori per Bonomi Contemporaneo Italiano, la linea Arco è caratterizzata da una perfetta curvatura a “C” con una particolarità: la sottigliezza della canna di erogazione appiattita a 6 mm.

Una sezione rettangolare di 25x6 mm “disegna” la fuoriuscita dell’acqua: un getto a nastro che evoca purezza e semplicità.

Una sola manopola per l’attivazione del flusso d’acqua è spostata rispetto alla canna di erogazione, sul piano del lavabo o a muro. Disponibile anche la versione a doppi comandi.

La canna fuoriesce da una rosetta mentre la manopola, costituita da un cilindro cromato (h 60mm Ø33mm), spostata di qualche centimetro rispetto alla canna, bascula morbidamente come un joy-stick azionando la cartuccia di miscelazione.

In questo modo l’acqua giunge miscelata nella temperatura desiderata alla canna di erogazione da sotto il livello del lavabo.

La canna di erogazione a “C” si incastra in una fessura della rosetta (su piano/lavabo o a muro) ed è intercambiabile. Nella versione a muro esiste anche la possibilità di inserire canne di erogazione e manopola su una elegante placca cromata rettangolare.

Miscelatori a muro, su lavabo, esterni, gruppi vasca e rubinetteria ad incasso per doccia, ma anche soffioni doccia e doccette coordinate in vendita presso i rivenditori autorizzati Bonomi.

Disponibili ahce le versioni Noir (nero satin) e Gold (in oro Pvd).

La rubinetteria Noir è rivestita di un nero satin elegante e soprattutto mai visto nell’ambiente bagno. Questa versione è ottenuta con verniciatura in polvere e cotto. La versione Gold invece è in Oro Pvd, realizzata con trattamento al titanio e zirconio, che assicura una maggiore resistenza del cromo e l’integrità in presenza di agenti atmosferici.

 

 

NUOVE VERSIONI PER LA RUBINETTERIA TUBE

Il “tubo” che diventa rubinetteria/installazione

 

Disegnata da Sergio Mori per Bonomi, la rubinetteria Tube ha un carattere non finito, spartano eppure perfettamente integrabile con il resto delle linee di rubinetterie.

Tube è disponibile nella due nuove versioni rubinetteria monoforo per lavabo e rubinetteria monoforo per soprapiano oltre che alla
versione a parete con una bocca di erogazione composta da un tubo del diametro di 110mm, spessore 5 mm e lunghezza 150mm .

L’enorme regolatore, una specie di close-up, abbinato ai complementi bonomi (leva, deviatore, doccetta…) diventa lavabo-parete, vasca-parete oppure doccia-parete.

“Amo il concetto di ‘non finito’. E’ per me una sorta di infinito reso visibile, reso oggetto” spiega il designer Sergio Mori “Le sue linee, i suoi spazi, i suoi vuoti sono assoluti, non finiscono mai. Soprattutto non ci sono confini. Gesto e azione allo stato puro”

Un pezzo di tubo inserito nel muro diventa rubinetteria/installazione.

Semplice come la funzione stessa.

 

 

RUBINETTERIA ZERO: IL MISCELATORE ULTRAPIATTO E HIGH TECH

Semplice ed universale rivoluziona il concetto del miscelatore

 

La rubinetteria Zero disegnata da Sergio Mori per Bonomi “azzera” il decoro dell’innovativa linea che ha assottigliato la canna di erogazione disegnando un angolo retto rispetto al piano del lavabo.

La bocca di erogazione è dotata di rompigetto per dare vita a un morbido flusso d’acqua che evoca purezza e semplicità.

Una sola manopola per l’attivazione del flusso d’acqua è spostata rispetto alla canna di erogazione, sul piano del lavabo o a muro. Disponibile anche la versione con doppi comandi.

La canna fuoriesce da una rosetta mentre la manopola, costituita da un cilindro cromato (h 60mm Ø33mm), spostata di qualche centimetro rispetto alla canna, bascula morbidamente come un joy-stick azionando la cartuccia di miscelazione.

In questo modo l’acqua giunge miscelata nella temperatura desiderata alla canna di erogazione da sotto il livello del lavabo.

La canna di erogazione si incastra in una fessura della rosetta (su piano/lavabo o a muro). Nella versione a muro esiste anche la possibilità di inserire canne di erogazione e manopola su una elegante placca cromata rettangolare.

Molto particolare il rubinetto per bidet che nel disegno di Mori diventa “oggetto” di insolita eleganza.

Miscelatori a muro, su lavabo, esterni, gruppi vasca e rubinetteria ad incasso per doccia, ma anche soffioni doccia e doccette coordinate in vendita presso i rivenditori autorizzati Bonomi.

 

 

PEOPLE COMPLETA IL SISTEMA DI RUBINETTERIA bonomi

Semplice e pulito il nuovo “tassello” del sistema ideato da Sergio Mori

 

People sembra un miscelatore davvero distante dalle linee del rivoluzionario Arco Bonomi: più classico e universale nella formula, può in realtà affiancare o sovrapporsi all’utilizzo di ogni altro elemento delle rubinetterie Bonomi.

Così almeno lo pensa Sergio Mori che lo inserisce fra le varianti della rubinetteria nata qualche anno fa anticipando la tendenza ad assottigliare la fuoriuscita dell’acqua e a “pulire” il disegno della tecnologia presente nell’ambiente bagno.

People reinterpreta in chiave moderna i primi miscelatori degli anni ’80 con una leva di miscelazione ergonomica e di utilizzo intuitivo. Ed è proprio la leva a fare da “tramite” fra il miscelatore People e le altre linee di rubinetteria: può infatti facilmente sostituire la manopola dei miscelatori (maniglia intercambiabile) Zero e Arco, nonché del Fluid (scorrevole a muro).

"Bonomi ha dato vita a un vero sistema di rubinetteria, incarnando ciò che io credo essere la più alta aspirazione del mio lavoro di designer” racconta Sergio Mori “Io credo che il buon design sia quello che lascia spazio all’interpretazione personale, a diverse declinazioni di vita, spazio, oggetti… Per questo amo il concetto di sistema, dove io posso smontare e rimontare, collegare in modo autonomo e originale ogni pezzo pur mantenendo stile e funzionalità”.

People può dunque essere interpretato liberamente: a fianco delle docce Light, o al gruppo vasca esterno Arco… su lavabo come miscelatore monoforo o come leva del miscelatore Zero, o Fluid (a parete)…

People miscelatore monocomando monoforo è infatti previsto nella versione lavabo, bidet, vasca esterno completo di deviatore e doccia, nonché miscelatore monocomando da incasso a parete.

 

 

BONOMI CONTEMPORANEO ITALIANO

 

Bonomi è un marchio di rubinetteria italiana di qualità che nasce dalla fusione di più realtà produttive “storiche” del bresciano.

Negli anni ’20 Bonomi Giuseppe produceva ottonami e in particolare cavatappi in ottone e ferro. Nel 1927 l’azienda fu premiata con diploma e medaglia d’oro all’Esposizione di Torino”.

Nel 1930 la Bonomi comincia la sua espansione producendo componenti per impianti idrotermosanitari. A metà degli anni ’40 diventa l’azienda Idrosanitaria Bonomi, divenuta poi un riferimento del settore idraulico per la produzione di valvole e rubinetterie.

Alla fine degli anni ’50 il diciassettenne Giuseppe, oggi Presidente del Gruppo, insieme al padre Bortolo, inizia la carriera in officina. Alla morte del padre Bortolo, nel 1968, i figli Giuseppe, Evaristo e Firmo assumono il controllo societario. Nel 1974 viene fondata la Bonomi Metalli, diventando poi un vero riferimento del settore idraulico per la produzione di valvole. I prodotti Idrosanitaria Bonomi servivano perlopiù il mercato termoidraulico –a livello italiano ed europeo- spaziando dalle saracinesche per acqua, alle valvole per elementi radianti, alla rubinetteria da bagno.

Più tardi, nel 1995, con il passaggio alla quarta generazione, Luigi Bonomi (figlio di Giuseppe) e i cugini Bortolo (figlio di Firmo) e Claudio Capponi fonderanno la WBC per esportare linee di miscelatori monocomando nei paesi del centro Europa (Germania, Austria, Belgio) su clienti già fidelizzati con il valvolame.

Nel 1996 avviene l’acquisto della Società Insa che produce fusioni in bronzo ed oggi è specializzata in termosanitaria. Inoltre nel 1999 acquisiranno la Metalli Pressati Bonomi, una storica azienda bresciana del 1905 per il settore della rubinetteria cromata.

Per coordinare le diverse realtà del gruppo (Idrosanitaria Bonomi, WBC, Metalli Pressati Bonomi, Insa, Bonomi Metalli) viene creata Bonomi Service con l’obbiettivo di migliorare il servizio alle aziende clienti.

Nel 2003 infine nasce il marchio Bonomi con il rivoluzionario progetto c4, proponendo per la prima volta la “canna piatta” un’interpretazione dell’erogatore d’acqua accolta con grande successo.

Nel 2007 Idrosanitaria Bonomi ha acquisito WBC, unificando così sotto un’unica azienda i tre marchi di riscaldamento, idraulica e rubinetteria.

Quest’ultimo, a partire dal 2008, verrà connotato come “Contemporaneo Italiano” per evidenziare l’impegno dell’azienda sul fronte del Design e del Made in Italy.

Nel 2010, in occasione del centenario di Confindustria, l’azienda è stata premiata per la sua secolare adesione all’Associazione.

Un attestato di fedeltà ma anche la conferma di uno spirito imprenditoriale che accomuna la storia della famiglia Bonomi a quella della migliore industria italiana.

Oggi il Gruppo Bonomi è una realtà consolidata con 3 sedi produttive, 22 mila metri quadri e 100 dipendenti.

 

 

SERGIO MORI

 

Sergio Mori nasce nel 1972 e all’età di 16 anni inizia la sua ricerca personale spostandosi dalla Gran Bretagna al Canada e Stati Uniti.

Parallelamente studia presso il Liceo Artistico Maffeo Olivieri (1989-93 Brescia), collabora con l’Arch. Fabrizio Bertero (94-95 Milano) e frequenta l’Istituto Europeo di Design (93-97 Milano).

Dal 1997 al 1998 collabora con l’Istituto Europeo di Design affiancando l’Arch. Michele Capuani nel workshop Crystal & Glass (Colle di Val d’Elsa_Toscana) e coordina come tutore 3 tesi del Dipartimento di Design Industriale.

Nel 1998 partecipa con il progetto di tesi svolto in collaborazione con Piaggio, e vince il 18° Compasso d’Oro (sezione giovani) coordinato dall’ADI di Milano. Sempre in quell’anno inizia la collaborazione con l’Arch. Paolo De Lucchi (Padova), coordina il progetto showroom per Vermoda-Dismero (Verona - New York - Dusseldorf) affinando le tecniche di visual-merchandising, comunicazione e coordinazione d’immagine.

Nel 1999 partecipa all’evento Regina Elisabetta II a Milano con l’istituto Europeo di design dove presenta il progetto Piaggio.

Nel 2000 apre Hb (pencil) icona estrapolata dal 900 come pensiero di progettazione globale.

Nel 2002 fa parte della giuria all’evento GranDesign (Milano), e disegna Libera (sistema di illuminazione coofirmata con Paolo De Lucchi) per AV Mazzega (Murano - Venezia) .

Nel 2003 disegna c4 (sistema di rubinetteria ad incasso) per Bonomi e One (in esclusiva per ceramiche Flaminia, coofirmata con L. e R. Palomba). Sempre nel 2003 è presente con c4 nello spazio Bizzarri al Chiostro dell’Umanitaria - Design Plaza - e - Ciatti a tavola (MI).

Il 2004 segna l’inizio di una nuova collaborazione con 14 ora italiana, realizzando l’installazione percorso divino (Sergio Mori - Michela Formia) al Salone Internazionale del Mobile (MI). Sempre nel 2004 crea e coordina “Fluid” con l’arch. Mauro Martinuz, workshop quinquennale per la ricerca e lo sviluppo prodotto Bonomi in collaborazione con LABA (BS).

Nel 2005, in occasione del Salone Internazionale del Mobile (MI), vince l’International Award Grandesign 2005 con il progetto c4 light di Bonomi. Sempre nel 2005 inizia la collaborazione con ESSART per la quale disegna HOOP sistema innovativo per tende.

Nello stesso anno ha inizio una fitta collaborazione con l'artista Ilaria Vidaletti con cui svilupperà diversi progetti di design – interior.

Il 2007 è l'anno che segna il sodalizio Sergio Mori - IQquadro con la coordinazione, progettazione e direzione artistica dell'Azienda.

Attualmente insegna Interior Design all’Accademia di Belle Arti LABA (Brescia), disegna e coordina l’immagine per numerose aziende nel settore casa.

 

 


English Text

 

 

YOUNG ITALIAN DESIGN FROM BONOMI AT CERSAIE 2010

 

In Bologna the historic firm from Brescia redesigns the “microcosm” of the bathroom.

 

Simple forms and a design that embodies the timeless quality that has always been a symbol of luxury Italian goods: the new tap ranges presented by Bonomi Contemporaneo Italiano at the 28th edition of Cersaie, in Bologna from September 28 to October 2, 2010.

They are the work of two designers: Massimiliano Abati from Civita Castellana (VT) and the Milan office of Francesco and Massimo Rodighiero.

 

The Just range of taps designed by Massimiliano Abati is based on a delivery shaft with a circular section (a simple “pipe”) smoothly folded 90° but mounted on the deck of the bathroom units or on the wall at a 45° angle. The mixer handle on the side of the central body (on a single base or separate rosettes) is easy to grip and to clean, and incorporates a joystick cartridge. In the wall-mounted version, the mixer cartridge is inserted directly in the wall, maintaining the clean line of the tap next to the mixer handle.

The final effect is a tap unit with plenty of personality, while the position of the water spout is particularly practical and ergonomic.

When they were contacted by Luigi Bonomi, Francesco and Massimo Rodighiero proposed not so much a range of taps as a complete microcosm: a revolutionary concept for the organisation and use of space in the toilet.

So it is not a mixer but a rectangular element, a sort of shelf that frames a mirror and performs several functions.

The narrow brass frame – available with a chrome or satin finish – supports a shelf of polymineral resin (a robust, hygienic material) shaped so that linear and sinuous surfaces alternate, as if hollowed by the flowing water.

And it is here that the jet of water actually flows, in full view, with an extraordinary “stream” effect that accompanies it as it falls into the basin.

The element/shelf comes in several sizes and colours, and is also available in a wall-mounted version for basins and bathtubs.

At Cersaie, Bonomi will also present “Aqua Jewels”, the range of taps designed by Marcel Wanders, which recreates the faceting of a classic diamond cut (round brilliant) incorporating “décor” in the heart of Italian technology.

It will also display the classic tap ranges designed by Sergio Mori, including Tube, which is available today in two new versions (single spout taps for basins and single spout taps mounted above the deck), and Arco, which has a perfect “C” bend and water spout flattened to 6 mm.

Born from the merger of a number of well-established manufacturers from the Brescia area, Bonomi Contemporaneo Italiano is a tap brand whose very name evokes the fine taste and quality that are typically Italian.

The Bonomi company celebrated its centenary in 2009, gathering the fruits of a long process of evolution founded on a capacity for constant innovation.

Since the 1920s, when Giuseppe Bonomi was producing brassware and corkscrews in brass and iron, to its transformation into a company producing sanitary ware and specialising in valves and taps in the 1930s and 1940s, the Bonomi family of businessmen is now in its fourth generation, grouping together a number of brands in the heating, plumbing and tap sectors in a single corporation.

This year, to mark the centenary of Confindustria, the Confederation of Italian Industry, the company was rewarded for its one-hundred-year membership. A testament to its loyalty but also confirmation of an entrepreneurial spirit that links the history of the Bonomi family with that of the best Italian industry.

Today the Bonomi Group is a strong organisation, with 3 manufacturing facilities and 100 employees.

 

Contatta l'azienda
Paginearredo